I due libri di Michele Iacono

Advertisements

Lo scrittore Siciliano, ci regala 2 perle filosofiche di cui una romanzata, dal titolo che da solo vale la pena di sfogliare il libro:

“Ciò che hanno visto le rondini”

Author: Michele Iacono
Romanzo/ Lingua Italiana

Da Nazareth a Cafarnao, dal lago Tiberiade a Gerico, attraverso il deserto, il protagonista arriva nella città santa, conosce il rabbi Sharon Levi e undici giovani con cui dovrà condivideelre il sogno di una rivolta. Tra i giovani spicca Magdala, una ragazza ebrea autrice di un libro sulle donne da contrapporre ai libri maschili della Torah, dei Vangeli e del Corano. In un susseguirsi di avventure – la cacciata dei fedeli dal Santo sepolcro, la favolosa fuga sul mare di Galilea, strane apparizioni sulla spianata, l’esodo forzato e il controesodo della città vecchia di Gerusalemme, ecc. -, il protagonista, sempre in fuga, poiché la polizia e l’esercito lo ricercano per blasfemia contro la religione e incitamento alla rivolta, si scopre suo malgrado partecipe di uno strano complotto che vede coinvolti diversi personaggi: Ben l’ebreo e Siin il palestinese, rabbi Sharon Levi, la già citata Magdala, il ladro Ibrahim e i suoi tre figli, un mendicante, sette prostitute che moriranno per salvare i bambini di Ibrahim, un angelo e il signor Prometeo che accompagnano Gabriele in questo suo sogno impossibile.

Potete richiedere questo libro presso il vostro libraio preferito oppure attraverso i vari canali online: Amazon ecc. Il mio consiglio? Acquistate nella nuova piattaforma Amason.Guru con 15% di sconto fino al 10 Luglio 2020. Usate il mio personale codice QBC985XJ al pagamento.

Advertisements

La seconda opera e` un saggio premiato con una menzione al “Premio Inedito Colline di Torino” 2020 :


“Quando l’uomo inciampò sui segni”


Author: Michele Iacono
Saggio/ Lingua Italiana

Nel suo saggio Kant e l’ornitorinco, U. Eco pone la questione dirimente di ogni possibile semiosi: il problema dei limiti dell’interpretazione. Vale a dire: se prima di riferirci alle sequenze di interpretanti e pervenire a una chiara catena dei meccanismi della conoscenza, non si debba partire da quella istanza tutta umana del perché qualcosa ci spinge a parlare, piuttosto che limitarsi ad interpretare i dati come già presenti nel nostro universo, come se da sempre la specie Homo avesse di questo mondo l’evidenza della verità, fondata sulla parola che l’ha edificata. La domanda è stata posta da Leibniz: “Perché c’è qualcosa piuttosto che niente?” Eco, nell’onestà che lo ha sempre contraddistinto, affronta apertamente la questione, non negando il grande imbarazzo che alcune tesi pongono quando ci si avventura nel mare magnum del pensiero occidentale. Di fatto, ab initio, non esiste nessuna mente, né costrutto da cui partire per erigere conoscenza. 

Ecco di cosa si occupa questo libro. Ricercare quel prima che ci spinge a produrre i segni.  I capitoli che seguono sono il tentativo di rispondere alla domanda: perché l’uomo produce segni e parla. Ciò che il presente lavoro vuole suggerire è innanzitutto una presa di posizione. Concepire un disegno in cui i segni hanno dettato i tempi e i ritmi del nostro modo di percepire la realtà e mostrare come la parola sia potuta nascere passando da una fase in cui nessun pensiero, soggettività e formazione sociale erano neppure lontanamente immaginabili; dove né soggetto e l’oggetto erano presenti, e la stessa concezione di vita umana si trovava in bilico poiché in natura non esiste garanzia di sopravvivenza. 

Abbiamo immaginato che da ambigue “figure segnate” sia sorta la possibilità di tradurre in simboli gli oggetti visibili e, osservandole, ci è parso di scorgere un probabile percorso seguito dalla specie Homo per sopravvivere a una natura aggressiva. La parola, sarà detto nel libro, nascerà dopo, quando gli oggetti si saranno stabilizzati attraverso un lungo processo di costruzione e, insieme ai segni, darà avvio a quel miracolo di far apparire il mondo.

Si dirà altresì che nessuna parola poteva nascere se non dopo una “scrittura” che consolidasse la memoria nell’articolazione della sua iterata ripetizione. La parola è debitrice di un segno, senza il quale nessun processo mnemonico poteva dar luogo ad alcun ricordo. Essa appare ambigua, perché non vi è modo di penetrare l’essenza intima della bios e il tentativo fatto dall’uomo è stato quello di mitigare la natura animale da cui nasce con l’umanità con cui ha costruito la sua storia. 

Anche per questo libro il consiglio non cambia: Acquistate nella nuova piattaforma Amason.Guru con 15% di sconto fino al 10 Luglio 2020. Usate il mio personale codice QBC985XJ al pagamento. Potrete trovare anche altri libri di Michele Iacono a prezzi scontati.

Fabrizio Catalfamo

GM

Hoffmann & Hoffmann LLC

Florida, USA

Translate »